Mps affonda a Piazza Affari

MontepaschiIl titolo Mps precipita in Borsa e tocca nuovi record. In attesa dell’assemblea prevista per il 27-28 dicembre, in cui si discuterà della decisione di ricapitalizzazione della banca e, dunque, della tempistica per l’aumento di capitale da tre miliardi di euro – permane un clima di profonda incertezza.
L’istituto di credito senese si mantiene vicino ai minimi storici registrati a Piazza Affari e, soprattutto, ad un valore vicino alla soglia di 0,128 euro, considerata critica. Se il titolo si spingesse al di sotto di tale soglia infatti, scatterebbe l’escussione da parte delle banche creditrici sulla quota detenuta da Fondazione Mps.
Se da una parte i vertici di Montepaschi sono pronti ad avviare la ricapitalizzazione già nel mese di gennaio, la Fondazione, dall’altra, chiede più tempo per riuscire a cedere parte della quota posseduta e ripagare i circa 350 milioni di euro di debito alle banche creditrici. Un ritardo dell’operazione, secondo quanto ha riferito il management, comporterebbe tuttavia interessi aggiuntivi sui Monti Bond e si tradurrebbe in una nazionalizzazione della banca senese, ovvero in un ingresso dello Stato nel capitale di Monte Paschi.
Ed è proprio il contesto incerto, a far affossare il titolo Mps che, su Piazza Affari lascia sul terreno l’1,80%, attestandosi a 0,154 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *