Giappone, ecco le ultime mosse della Boj

In Giappone sono appena stati pubblicati alcuni ultimi dati macro economici di discreto interesse. Nell’arcipelago nipponico è così stato ufficializzato il fatto che nel mese di dicembre si è registrata una contrazione più ampia delle attese per quanto concerne il surplus di parte corrente, il cui livello si ferma ora a 1.112,2 miliardi di yen contro un consenso da parte dei principali analisti di mercato che invece stimava lo stesso livello a 1.183,3 miliardi di yen, e comunque in calo rispetto ai 1.415,15 miliardi di yen che erano stati riscontrati nel corso della rilevazione risalente al mese di novembre. In termini di incremento su base annuale l’indice segna tuttavia pur sempre il settimo mese consecutivo in crescita.

Di interesse, negli ultimi giorni, anche riscontrare le novità sul fronte della politica monetaria da parte della Bank of Japan e, in particolar modo, quelle che sono le opinioni espresse alla riunione della BoJ di fine gennaio, che rivelano un ampio grado di incertezza sullo scenario, le quali potrebbero rendere più arduo il mantenimento del controllo della curva dei tassi.

È proprio per il motivo sopra anticipato che la Bank of Japan fornisce alcuni margini di azione al Market Operations Desk, cogliendo l’occasione per poter avvisare i mercati che la volatilità giornaliera dei rendimenti non deve essere interpretata come un cambiamento della strategia di politica monetaria.

Per quanto concerne le poche novità macro economiche che invece arrivano dal vecchio Continente, rileviamo come in Francia l’indice di fiducia delle imprese abbia riscontrato un inatteso deterioramento nel corso del mese di gennaio, con un rallentamento da 102 punti a 101 punti. Le anticipazioni di consenso da parte dei principali analisti finanziari avevano invece previsto un movimento di segno opposto, con una tiepida crescita a quota 103 punti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *