Dati macro supportano le quotazioni della sterlina

entrepreneur-696966_960_720La sterlina ha chiuso la settimana rafforzandosi da 1,45 a 1,46 GBP/USD, e stabilizzandosi contro euro intorno a 0,7800 EUR/GBP. A giocare alle prestazioni della valuta britannica (oltre che, come intuibile, la debacle macroeconomica del Pil Usa) sono state anche le dichiarazioni di Carney, che ha affermato che la prestazione dell’economia britannica è piuttosto buona.

Nel brevissimo termine sembra che la crescita stia rallentando, probabilmente a causa dell’incertezza sul referendum Brexit, che in questa fase rappresenta i rischio principale per lo scenario domestico. Tuttavia, proprio il tema Brexit sta iniziando a scemare per quanto concerne la sua incisività: i nuovi sondaggi sembrano rinvigorire la forza dei remain, ovvero di coloro che si dichiarano favorevoli alla permanenza all’interno dei confini dell’Unione Euroepa.

Per quanto riguarda l’inflazione, Carney dice che ci sono importanti forze globali che stanno ancora esercitando pressioni al ribasso sui prezzi. I salari pertanto crescono lentamente, ma più avanti dovrebbero risalire, il che renderà probabilmente opportuno avviare successivamente un sentiero di modesti e graduali rialzi dei tassi. Ad avviso degli analisti di ISP, il recente rimbalzo della sterlina non è supportato da fattori fondamentali e rimane pertanto il rischio di correzione già nella prima metà di maggio. La prossima settimana importanti indicazioni arriveranno dai dati, in particolare dai PMI di aprile. Se dovessero deludere l’arretramento potrebbe partire già su questi dati.

Per quanto attiene in maniera più dettagliata il cambio con gli Stati Uniti, evidente appare il beneficio determinato dall’aver incontrato un periodo sfavorevole sul fronte macro a stelle e strisce. Il dato sul Pil Usa ha infatti mancato le aspettative e, di conseguenza, sta alimentando particolari dubbi sulla tenuta della crescita dell’economia americana, in linea con gli auspici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *