Burberry chiude periodo con utile oltre le attese

Burberry, uno dei più noti operatori nella settore della moda di alto livello, ha annunciato ai propri stakeholders di aver chiuso l’esercizio fiscale con un livello di utile al di sopra delle attese dei principali analisti economico finanziari. Nel dettaglio, il Gruppo del lusso britannico ha affermato di aver riportato utili superiori alle attese grazie ad un’attenta politica di contenimento dei costi e grazie al miglioramento della domanda in uno dei mercati più importanti, come quello cinese.

Ragionando in termini numerici, da quanto sopra ne emerso che nel corso dell’intero esercizio fiscale, conclusosi lo scorso 31 marzo 2017 (per Burberry l’esercizio fiscale non coincide con l’anno solare, come invece avviene per la maggior parte delle società quotate), l’utile rettificato ante imposte si è attestato a 462,4 milioni di sterline, al di sopra dei 457,1 milioni di sterline che erano invece stati precedentemente stimati dal consenso dei principali analisti economico finanziari.

Risalendo le righe di conto economico di periodo e, dunque, giungendo nella parte superiore, relativa al valore della produzione, scopriamo inoltre che le vendite dell’esercizio fiscale sono risultate sostanzialmente in linea con le attese di mercato espresse in precedenza dagli analisti, per una quota pari a 2,77 miliardi di sterline.

Con l’occasione della pubblicazione dei risultati societari dell’ultimo esercizio fiscale recentemente conclusosi, il top management ha dichiarato poi di ritenere che la società sia ben in grado di percorrere la strada giusta per realizzare i target che si era precedentemente posta, e in particolar modo quello relativo all’obiettivo di riduzione dei costi per un volume pari a 100 milioni di sterline all’anno entro il 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *