Brexit, la preoccupazione continua a influenzare il mercato

forex-trading-onlineIn un contesto già di per sè particolarmente turbolento e volatile, la Brexit – cioè la consultazione pubblica che mira a comprendere se i cittadini della Gran Bretagna siano favorevoli o meno all’uscita dall’Unione Europea – rappresenta un tema di particolare preoccupazione, dal momento che l’eventuale uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea avrebbe conseguenze economiche e finanziarie di significativa importanza, e non solamente per quanto concerne la stessa Gran Bretagna, quanto anche per l’Unione Europea, gli Stati Uniti, e non solo.

Come più volte ricordato nel corso delle ultime settimane, dal rapporto preparato dal Tesoro britannico sugli impatti della Brexit è emerso in maniera chiara come gli effetti negativi siano di gran lunga superiori a quelli legati alla permanenza nell’Unione. Tra le conseguenze più negative, si stima un significativo calo delle entrate tributarie, superiore a quanto risparmiato con l’eliminazione dei contributi al bilancio UE; ciò condurrebbe inevitabilmente a un deciso aumento delle imposte e a tagli alla spesa pubblica.

In aggiunta a quanto sopra, l’opzione “leave” (cioè l’uscita dall’UE, in contrapposizione con la scelta dei “remain”) comporterebbe una minore apertura dell’economia britannica verso l’estero, con diminuzione degli scambi commerciali e degli investimenti (un’evidenza sottolineata anche dal presidente Obama durante la sua recente visita a Londra). Ad oggi, circa i tre quarti degli investitori esteri cita l’accesso al mercato unico come fattore importante nella scelta di investire nel Regno Unito.

Come se non bastasse, l’uscita dall’Unione implicherebbe la rinegoziazione dei rapporti commerciali attualmente in essere, che sarebbero peggiorativi rispetto agli attuali accordi siglati a Bruxelles lo scorso febbraio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *