BCE lascia tassi invariati. Rischio deflazione?

bce tassi interesse

bce tassi interesseLa Banca centrale europea (BCE) ha lasciato il tasso di interesse invariato allo 0,25 per cento, ovvero al minimo storico, mentre il dibattito sulla crisi nella zona euro,  e sul rischio che possa tradursi in un crollo dei prezzi e dei salari, non sembra destinato a placarsi. La maggior parte degli analisti non si aspettava ulteriori azioni da parte della BCE, a solo un mese di distanza dal taglio del tasso principale e del record negativo. E’  verosimile ritenere che i 23 membri del Consiglio direttivo della banca centrale abbiano dibattuto su un argomento che continua a dividere gli economisti: la zona euro è a rischio di deflazione?

L’inflazione nella zona euro nel mese di ottobre e novembre si attestava al di sotto del target ufficiale della BCE, fissato al 2 per cento . Per alcuni economisti  il contesto economico attuale, farebbe presagire una spirale deflazionistica in cui i prezzi, per una vasta gamma di beni, rischiano di entrano in una costante spirale discendete, risultando inferiori ai profitti delle imprese e, in ultima analisi, obbligando le aziende a tagliare posti di lavoro.

Anche se alcuni membri del Consiglio direttivo della BCE hanno sollevato dubbi e preoccupazioni per il rischio deflazionistico, un ulteriore taglio dei tassi avrebbe lasciato alla BCE poco margine di manovra, soprattutto se le condizioni economiche dovessero peggiorare. Mentre vi è forte disaccordo circa il rischio di deflazione , vi è ampio consenso sul fatto che la zona euro soffra di una mancanza di credito bancario.

Le banche hanno già potuto attingere a piene mani al finanziamento della BCE al tasso di interesse di riferimento, ma molti istituti di credito sono stati riluttanti a concedere prestiti ai clienti. Molte banche hanno invece usato il denaro per comprare il debito pubblico, approfittando del tasso di interesse maggiore sui titoli obbligazionari. Per fare davvero la differenza la BCE dovrà probabilmente ricorrere a misure non convenzionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *