consobLa Consob ha commentato positivamente il decreto della competitività, che al suo interno contiene anche la possibilità di estendere la soglia d’Opa obbligatoria per le piccole e medie imprese. Tuttavia, la Commissione si è augurata che possa trattarsi di un provvedimento da estendere a tutte le grandi società quotate a Piazza Affari. Avverrà veramente così?

Nell’attesa di saperne di più, il funzionamento della novità è presto detto: oggi chiunque arrivi a detenere una quota pari al 30% del capitale è obbligato a lanciare un’offerta pubblica di acquisto a tutti gli azionisti. Con l’innovazione, tuttavia, le pmi possono inserire nei loro statuti una soglia per il lancio d’Opa obbligatoria tra il 20 e il 40%, in un’ottica di personalizzazione.

Per poter fruire di tale possibilità è necessario che le aziende non abbiano superato i 300 milioni di euro di fatturato nell’ultimo esercizio o – di contro – una capitalizzazione media di mercato di mezzo miliardo di euro.

Pubblicato da Roberto Rossi

Roberto Rossi: Consulente finanziario ed esperto di forex, lavora nel settore dal 2005, prestando servizi di assistenza personalizzata ed erogando focus previsionali sui cambi valutari, commodities e altre forme di investimento. Scrive per alcuni noti network nazionali economico – finanziari, e si dedica alla cura di progetti editoriali del comparto patrimoniale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi