Trading banche, Intesa Sanpaolo abbandona il modello duale

Intesa Sanpaolo abbandona la governance con il sistema duale, che aveva abbracciato nel 2007, nel momento in cui si era profilata la formalizzazione della maxi operazione di fusione tra San Paolo Imi e Banca Intesa. La scelta è stata approvata con una maggioranza pari al 98,9% del capitale presente, rendendo dunque l’assemblea straordinaria degli azionisti di venerdì 26 il momento di lancio del nuovo statuto sociale, che il sistema monistico.

La tappa dell’approvazione del sistema monistico, pur importante, è inoltre intermedia rispetto a quella del 27 aprile, visto e considerato che proprio mediante tale modello di governance saranno rinnovati i vertici della banca, che avrà quindi un solo consiglio di amministrazione al posto dei consigli di sorveglianza e di gestione attuali.

“Imbocchiamo una strada inesplorata in Italia ma il nuovo sistema ha elementi di continuità con quello precedente” – ha così spiegato il presidente del consiglio di sorveglianza Giovanni Bazoli che nella nuova governance sarà presidente emerito. Bazoli ha poi osservato che il sistema monistico “faciliterà la presenza degli investitori istituzionali nei board”, auspicando così per i futuri organismi la scelta delle “persone di maggiore qualità anche dal punto di vista morale”. Per Bazoli, inoltre, il passaggio dal sistema duale a quello monistico dovrebbe poter consentire a Intesa “di affermarsi tra le migliori banche d’Europa anche in relazione a questo parametro”.

La soddisfazione è poi stata espressa anche dal presidente del consiglio di gestione Gian Maria Gros-Pietro, sul cui nome vertono interessanti pronostici in qualità di nuovo presidente unico della banca. “Sono molto soddisfatto del nuovo modello di governance, largamente condiviso dalla stragrande maggioranza di chi ha investito in questa società”.

L’appuntamento con le prossime novità di Intesa Sanpaolo è ora fissato per il 27 aprile, data in cui verranno rinnovate le cariche societarie. E le sorprese potrebbero non mancare…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *