ratingNiente da fare per l’Italia, che non riesce a ottenere l’attesa (e per alcuni meritata) promozione da parte di Standard & Poor’s, una delle principali agenzie di rating al mondo. Pur riconoscendo i progressi importanti sulle riforme strutturali e sul bilancio, il rating del BelPaese rimane a BBB, con prospettive negative.

Oltre a quanto sopra, afferma Standard & Poor’s, “il rating potrebbe essere ridotto nel caso in cui dovessimo giungere alla conclusione che il governo non riuscirà a implementare le politiche necessarie a far ripartire la crescita e a contenere l’aumento del debito nelle nostre stime”.

Insomma, l’agenzia di rating americana afferma che è troppo presto per valutare l’operato del governo Renzi, e si prepara – qualora i risultati non dovessero arrivare – a tagliare ulteriormente il nostro rating, già di per sè ai limiti del deterioramento. Tra le principali previsioni dell’agenzia, infine, il fatto che “le prospettive di crescita economica resteranno deboli in termini reali e nominali”, e che tali prospettive riflettano “i tentativi da parte degli ultimi tre governi di riformare il mercato del lavoro e la produzione, che noi consideriamo meno flessibili rispetto a quelli dei partner commerciali più importanti d’Italia”.

Pubblicato da Roberto Rossi

Roberto Rossi: Consulente finanziario ed esperto di forex, lavora nel settore dal 2005, prestando servizi di assistenza personalizzata ed erogando focus previsionali sui cambi valutari, commodities e altre forme di investimento. Scrive per alcuni noti network nazionali economico – finanziari, e si dedica alla cura di progetti editoriali del comparto patrimoniale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi