Rapporto Fmi: è lenta l’uscita dell’Italia dalla crisi

Rapporto Fmi: è lenta l'uscita dell'Italia dalla crisi

Rapporto Fmi: è lenta l’uscita dell’Italia dalla crisi

L’Italia è in ripresa ed è uscita dal momento cupo della recessione, questo dato emerge dallo studio aggiornato dello statt economico del Fondo monetario internazionale che ha presentato i dati del rapportpo World Economic Outlook. Secondo gli analisti FMI, l’economia italiana crescerà dello 0.6& nel 2014 e dell’1,1% nel 2015 in tendenza con la ripresa delle altre aree europee, la risposta allo stress finanziario a cui sono sottoposti tutti i paesi europei tende a diminuire e a trainare la ripresa è principalmente l’economia di esportazione. Seppur il risultato sembrerebbe positivo, il gruppo di analisti, guidati da Olivier Blanchard, si esprime con prudenza rispetto allo studio del nostro Governo che ha previsto la sicura ripresa con un PIL superiore all’1%. Le stime del Fondo Monetario Internazionale riportano un risultatto peggiore in termini di outlook, infatti nel 2013 si prevedeva un innalzamento del PIL 2014 per lo 0,7%, quindi un punto di percentuale in più. La ripresa italiana è quindi certa ma più lenta e faticosa tanto che il 2013 ha chiuso con una contrazione delll’1,8%. Olivier Blanchard spiega i punti deboli dell’Europa meridionale, la regione più interessata all’impoverimento creato dalla crisi di questi anni. “L’Europa meridionale – spiega l’analista – continua a essera la parte più preoccupante dell’economia mondiale. Abbiamo una previsione di crescita per il 2014, ma tale crescita è fragile. Da un lato, le esportazioni sono forti. Dall’altro la domanda interna è debole e soffre i legami tra debolezza dell’attività, debolezza delle banche, debolezza delle imprese e la necessità di consolidare i conti pubblici. Una crescita sostenuta richiede di tagliare questi circoli viziosi, per fare affidamento sia sulla domanda interna che esterna”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *