CFD e investimenti di lungo termine

I trader che vogliono assumere posizioni a più lungo termine potrebbero avere molta difficoltà a comprendere se le posizioni in CFD siano effettivamente quelle più opportune. Per loro, infatti, la questione della leva finanziaria diventa ancora più pertinente e rende il calcolo aritmetico molto più difficile per il processo decisionale. Leggi tutto “CFD e investimenti di lungo termine”

Criptovalute, come funzionano gli exchange centralizzati

Gli exchange centralizzati di criptovalute sono un po’ come le borse tradizionali. Gli acquirenti e i venditori si incontrano in questo mercato, e l’exchange si limita a giocare il ruolo di un intermediario. Questi exchange di solito addebitano una commissione per facilitare le operazioni effettuate tra le parti acquirenti e venditrici, permettendo dunque di ottenere una remunerazione per tale servizio. Leggi tutto “Criptovalute, come funzionano gli exchange centralizzati”

Come sviluppare le proprie capacità

Quando ci si avvicina alla ricerca di un nuovo posto di lavoro, è fondamentale cercare di scoprire le proprie abilità fondamentali. Ma come si può fare per poterle individuare e stimolare? Il nostro consiglio è quello di completare i seguenti passi per poter conseguire un maggiore successo, cominciando dall’elencare i tuoi risultati, grandi e piccoli che siano. Non aver paura di scrivere anche l’ottenimento di risultati che apparentemente sembrano banali: l’importante è affermare le tue abilità, e il fatto che hai sviluppato delle capacità che in qualche modo (in qualunque modo!) ti sono state utili in passato. Leggi tutto “Come sviluppare le proprie capacità”

Come fare un piano di trading

Non importa quale stile di trading tu decida di perseguire. Avrai comunque necessità di un piano di trading organizzato, o non arriverai molto lontano. La differenza tra “fare soldi” e “perdere soldi” sul mercato forex può essere semplice come fare trading con un piano, o fare trading senza un piano.

Un piano di trading è un approccio organizzato all’esecuzione di una strategia di trading che hai sviluppato sulla base della tua analisi di mercato e delle tue prospettive. E sebbene non esista una ricetta unica e “perfetta” per poter formulare tale piano, ci sono comunque pur sempre alcune domande a cui dovresti rispondere per poter ottenere i migliori risultati. Leggi tutto “Come fare un piano di trading”

Forex, cosa sono gli ordini contingenti

Un ordine contingente è un termine utilizzabile per poter combinare diversi tipi di ordini per creare una strategia completa di trading valutario. Utilizzare gli ordini contingenti per effettuare un’operazione può risultare utile per impostare la posizione con il pilota automatico, considerato che – qualsiasi cosa tu faccia –con un ordine contingente avrai impartito al broker tutte le informazioni utili per poter definire i rischi. Leggi tutto “Forex, cosa sono gli ordini contingenti”

Cosa sono gli ordini trailing stop loss

Probabilmente ti sarà capitato di sentire che una delle chiavi del trading di successo è quello di chiudere rapidamente le posizioni in perdita e lasciare che le posizioni vincenti corrano per il loro fortunato destino.

Ebbene, un ordine trailing stop-loss ti permette di fare proprio questo. L’idea è che quando hai un’operazione vincente, aspetti che il mercato si inverta e ti porti fuori, invece di cercare di scegliere il giusto livello per uscire da solo. Un ordine trailing stop-loss è un ordine stop-loss che si imposta ad un numero fisso di pips dal tasso di entrata. Leggi tutto “Cosa sono gli ordini trailing stop loss”

Come gestire il denaro: i primi passi!

Vuoi imparare a gestire il denaro in maniera efficace? Ancor prima di pensare a budget, strategie di investimento e altro, ci sono alcuni pensieri chiave che ti consigliamo di tenere a mente durante la tua pianificazione finanziaria. Ma quali sono?

In primo luogo, quando si tratta di spendere, aspetta. Viviamo in una società di gratificazione immediata. Con i fast food, Internet, gli smartphone e i dispositivi di posta elettronica a pronta disposizione, siamo abituati a ottenere ciò che vogliamo, quando lo vogliamo. Questa tecnologia non è male (anzi!) ma avere tutto a portata di mano in pochi secondi aumenta il nostro bisogno di spendere senza pensare o pianificare in anticipo.

Insomma, la prossima volta che sei tentato di acquistare un oggetto economico che non avevi intenzione di acquistare, non farlo! Concediti tre giorni di tempo: se al termine di questo breve periodo di tempo lo desideri ancora, allora puoi considerare l’acquisto. Se si tratta di un oggetto più grande e costoso, come un’auto o una casa, resisti al bisogno il più a lungo possibile e vedi come va.

In secondo luogo, comprendi quali sono i tuoi valori e le priorità di denaro e attieniti a loro. Ormai, tutti conosciamo la differenza tra i nostri desideri e le nostre esigenze. Tuttavia, qualcosa che un’altra persona considera un bisogno, tu e la tua famiglia potresti essere in grado di considerarlo diversamente. Per esempio, dare in beneficenza non è un bisogno fondamentale di sopravvivenza, ma per molti, pianificare le spese di beneficenza è una priorità. Vivere in una bella casa può essere importante per te, ma forse indossare abiti costosi o guidare un nuovo mezzo non lo è, mentre lo è per altri. Scopri cosa è più importante per te e per la tua famiglia e taglia in altre aree del budget per assicurarti di poterti permettere il tuo stile di vita.

Infine, dimentica ciò che hanno le altre persone. Molte persone vivono una vita che non possono permettersi annegando nei debiti. Concentrati sui tuoi obiettivi futuri e ignora come amici, familiari, colleghi di lavoro e vicini di casa spendono i loro soldi. È probabile che utilizzino eccessivamente il credito per permettersi uno stile di vita migliore del tuo: tenere il passo con gli altri è una battaglia senza fine!

Prezzi oro ai massimi da 5 mesi

I prezzi dell’oro sono cresciuti ancora negli ultimi giorni, toccando un livello massimo da cinque mesi a questa parte: l’oro ha insomma svolto una funzione di rifugio sicuro con l’avvicinarsi delle vacanze di Natale, proprio mentre si verificava il crollo degli indici azionari statunitensi, che ancora una volta hanno toccato nuovi minimi per l’anno, spingendo così la domanda di metallo dorato. I futures sull’oro di febbraio di oggi hanno superato la media mobile a 200 giorni per la prima volta dallo scorso maggio, con un altro segnale di sviluppo rialzista del grafico.

A costituire altro elemento di supporto all’oro è anche il disagio sul mercato per la parziale chiusura del governo statunitense, lo shutdown, che potrebbe durare un po’ più a lungo delle previsioni. Il segretario del Tesoro americano Steve Mnuchin ha contattato le grandi banche statunitensi durante il fine settimana, assicurando dunque la disponibilità di liquidità. Tuttavia, le telefonate di Mnuchin alle banche hanno generato in parte l’effetto opposto, andando ad agitare il mercato, piuttosto che calmando.

Ricordiamo che i mercati azionari e finanziari statunitensi chiuderanno presto per le festività natalizie e che negli stessi frangenti la maggior parte dei mercati mondiali saranno chiusi per il giorno di Natale, dando così un po’ di ossigeno alle turbolenze attuali. I mercati sono anche un po’ preoccupati per le turbolenze nell’amministrazione Trump, con il capo del personale che si è dimesso.

A ciò si aggiungano le continue critiche di Trump alla Federal Reserve, etichettata di essere l’unico male per l’economia a stelle e strisce: un mix deleterio, che sta creando molta confusione nei mercati, e parecchio malumore…

Previsioni 2019 sui metalli preziosi

I metalli preziosi? Sono un comparto su cui gli analisti sembrano proporre un outlook moderatamente positivo, visto il consolidamento in atto sullo stesso settore.

Di fatti, è evidente come il consolidamento dei metalli preziosi sia ancora legato alla forte avversione al rischio che ha avuto inizio qualche settimana fa e della quale ancora non ci sono cenni di inversione.

Le prospettive del dollaro statunitense e le scelte della Federal Reserve, che a loro volta si rifletteranno sui Treasury, saranno certamente elementi in grado di influenzare ancora il comparto. Il recupero delle quotazioni dei metalli preziosi più noti e maggiormente oggetto di trading rispetto ai minimi livelli che erano stati registrati nei mesi estivi è stato condotto solo marginalmente dal modesto rialzo dell’inflazione nelle principali aree economiche, dovuto al rincaro del petrolio.

Tuttavia, questo elemento di sorta potrebbe cessare, o essere contenuto, nel corso delle prossime settimane in virtù dello storno del petrolio, soprattutto se l’OPEC e la Russia non porteranno effettivamente avanti una credibile flessione dei livelli di produzione. Rimane comunque il tema dell’incremento delle tensioni sui mercati finanziari in un contesto di rischio per le Banche Centrali che stanno, forse con troppo anticipo, inasprendo le proprie politiche monetarie, togliendo così liquidità alle piazze finanziarie, e favorendo così, in successiva istanza, l’aumento dell’avversione al rischio. Uno scenario che, se realizzato, teoricamente potrebbe fungere da buon supporto per i metalli preziosi.

Alla luce di ciò, le previsioni dei principali osservatorio, proprio in virtù del supporto ottenuto dal consolidamento in atto, rimangono moderatamente positive sui metalli preziosi.

Quante ore bisogna lavorare ogni settimana?

Quante ore sarebbe “giusto” lavorare ogni settimana? Se vi interessa, Elon Musk, il visionario imprenditore sudafricano naturalizzato statunitense, ha detto via Twitter che bisognerebbe farlo per almeno 80 – 100 ore alla settimana per “cambiare il mondo”.

“Ci sono posti di lavoro molto più facili, ma nessuno ha mai cambiato il mondo con 40 ore settimanali”, ha detto Musk, riferendosi alle quattro società – Tesla, SpaceX, The Boring Company, e Neuralink – dove lavora come CEO.

Alla domanda di un utente Twitter sul numero di ore di lavoro settimanali necessarie per “cambiare il mondo”, Musk ha dunque risposto che questo numero può variare da circa 80 a oltre 100 ore.  “Varia da persona a persona, ma circa 80 ore, con picchi superiori a 100 ore a volte, sono necessari. Il livello di fatica aumenta esponenzialmente sopra gli 80”, ha poi detto.

Musk aveva precedentemente rivelato in un’intervista con Recode pubblicata a novembre che stava lavorando 120 ore alla settimana, mentre “tutti” a Tesla hanno lavorato almeno 100 ore alla settimana quest’anno, mentre si cercava di incrementare produzione della berlina Model 3. Ha anche suggerito che tutto ciò si è reso necessario per la sopravvivenza di Tesla.

Effettivamente, in altre interviste, alcuni dipendenti hanno detto che le ore di lavoro sono state eccessive, mentre altri hanno detto che preferiscono lavorare 70 o più ore alla settimana.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi