Fiat conferma processo di fusione con Chrysler

Dati indici Fiat

Dati indici Fiat

Dati indici Fiat

Fiat ha annunciato che non sono arrivate abbastanza richieste di rimborso dagli azionisti, da raggiungere il limite massimo posto a 500 milioni di euro, soglia imposta dalla compagnia torinese a titolo di “cap” per ripagare gli azionisti che, in vista della fusione, avessero richiesto di recedere, consegnando quindi a Fiat le proprie azioni, a fronte di un pagamento pari a 7,727 euro per singolo titolo.

Il rischio – per lo meno formale – era dietro l’angolo: una volta superata la soglia dei 500 milioni di euro, infatti, sarebbe scattata in attivazione la clausola che decreta lo stop alla fusione con Chrysler e, di conseguenza, il trasferimento della sede legale in Olanda. Il mancato raggiungimento della soglia ha quindi decretato un sostanziale e ulteriore via libera alla transazione societaria, con conseguente rasserenamento degli stakeholders più pessimisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *