alitaliaNelle sue minute la Federal Reserve l’ha scritto fin troppo chiaramente: i timori per un eccessivo rafforzamento del dollaro sarebbero più che evidenti, così come sarebbero chiari i riflessi che un super-dollaro potrebbe avere su un’economia interna che, dopo anni di sacrifici, sta finalmente vedendo la luce con maggiore insistenza.

Nei verbali dell’ultima riunione del Fomc, il comitato monetario della Banca Centrale statunitense, si legge inoltre come la crescita deludente di Europa, Giappone e Cina potrebbe inficiare le esportazioni americane.

Cresce dunque l’attesa verso la prossima riunione del Fomc, prevista per il 28-29 ottobre, che secondo la maggior parte degli analisti dovrebbe rappresentare il vero e proprio momento di svolta della politica monetaria a stelle e strisce. Si prevede infatti la fine del piano di acquisto di bond e di titoli, e la messa in essere dei piani concreti per poter favorire la ripresa dei tassi di interesse di riferimento, attualmente ai minimi storici.

Pubblicato da Roberto Rossi

Roberto Rossi: Consulente finanziario ed esperto di forex, lavora nel settore dal 2005, prestando servizi di assistenza personalizzata ed erogando focus previsionali sui cambi valutari, commodities e altre forme di investimento. Scrive per alcuni noti network nazionali economico – finanziari, e si dedica alla cura di progetti editoriali del comparto patrimoniale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi