fmiLa crisi dell’eurozona porta in dote una nuova proposta formulata sul tavolo del Fondo Monetario Internazionale. In sintesi, un Paese che ha debiti elevati dovrà smettere di pagare agli investitori le cedole sui titoli di Stato se riceve un prestito di salvataggio dal Fondo Monetario Internazionale.

Detta così (ed è effettivamente tale), la proposta sembra essere un sacrificio diretto nelle tasche degli investitori privati, ai quali verrà sostanzialmente chiesto di rinunciare a una parte (o a tutti) gli interessi sui titoli di Stato, in cambio dell’aiuto fornito dal Fmi all’organismo pubblico.

L’obiettivo del Fmi è fondamentalmente quello di evitare quanto accaduto oramai quattro anni fa, quando gli istituti di credito di Francia e di Germania riuscirono a limitare i danni sui loro investimenti in Grecia solamente perchè i contribuenti europei prima, e il Fondo Monetario Internazionale poi, se ne assunsero i rischi.

Bisognerà solo comprendere in che modo le parti riusciranno a far digerire questa proposta ai propri creditori privati. E’ altamente possibile che la proposta venga presto rivista in maniera più soft…

Pubblicato da Roberto Rossi

Roberto Rossi: Consulente finanziario ed esperto di forex, lavora nel settore dal 2005, prestando servizi di assistenza personalizzata ed erogando focus previsionali sui cambi valutari, commodities e altre forme di investimento. Scrive per alcuni noti network nazionali economico – finanziari, e si dedica alla cura di progetti editoriali del comparto patrimoniale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi