Se si tracciasse un “grafico della domanda”, con il prezzo sull’asse X e la quantità di un prodotto richiesto sull’asse Y, il grafico sembrerebbe una curva discendente, in quanto più aumentano i prezzi, e più la domanda scende. Se si tracciasse un “grafico dell’offerta”, si tratterebbe di una curva ascendente; con l’aumento dei prezzi, l’offerta aumenta. Se entrambe le curve sono tracciate su lo stesso grafico, il punto in cui si incontrano è il “Prezzo di equilibrio“.

Il prezzo di equilibrio è il prezzo al quale la quantità di prodotto richiesto è pari alla quantità di prodotto fornito; in altre parole, se il prezzo di un prodotto è fissato al suo prezzo di equilibrio, allora per ogni singolo prodotto realizzato c’è un acquirente per esso.

Se il prezzo del prodotto è fissato a un prezzo troppo alto, allora ci sarà più prodotto disponibile che prodotto acquistato; si verificherebbe dunque un’eccedenza di beni. Se il prezzo è fissato a un livello troppo basso, ci sarebbe una domanda per una quantità di prodotto superiore a quella che si sta producendo; si verificherebbe una carenza di prodotto, e dunque acquirenti non soddisfatti dall’attuale livello di offerta.

Se un prodotto diventasse improvvisamente molto popolare e la domanda totale aumentasse improvvisamente (cioè, più persone richiedono un prodotto a qualsiasi prezzo), la curva della domanda si sposterebbe verso l’alto e a destra, e il prezzo di equilibrio aumenterebbe. Allo stesso modo, se la domanda diminuisce, la curva della domanda si sposterà verso il basso e a sinistra e il prezzo di equilibrio diminuirà.

Se l’offerta totale di un prodotto aumentasse, la curva si sposterebbe verso l’alto e a sinistra e il prezzo di equilibrio diminuirebbe. Se l’offerta dovesse diminuire, la curva si sposterebbe verso il basso e a destra e il prezzo di equilibrio aumenterebbe.

Anche se le riflessioni di cui sopra potrebbero sembrare piuttosto complesse, in realtà il senso di tutto ciò è molto chiaro. Se la domanda è superiore all’offerta, i prezzi subiranno un incremento. Se invece la domanda è inferiore all’offerta, i prezzi subiranno un decremento, per poter riallineare le condizioni di mercato.

Pubblicato da Roberto Rossi

Roberto Rossi: Consulente finanziario ed esperto di forex, lavora nel settore dal 2005, prestando servizi di assistenza personalizzata ed erogando focus previsionali sui cambi valutari, commodities e altre forme di investimento. Scrive per alcuni noti network nazionali economico – finanziari, e si dedica alla cura di progetti editoriali del comparto patrimoniale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi