germaniaDopo le delusioni delle ultime settimane, qualche timido segnale di ripresa sembra contraddistinguere la chiusura della giornata di venerdì per la Germania, dove la produzione industriale tedesca è cresciuta a luglio – sulla base mensile destagionalizzata – dell’1,9% (del 2,5% è invece la variazione annua). Un incremento che è superiore al consenso degli economisti internazionali, e che è accompagnato – per giunta – dalla revisione al rialzo (da 0,3% a 0,4%) del precedente dato di giugno.

Di contro, deludono i dati provenienti dagli Stati Uniti, dove le rilevazioni affermano come il sistema occupazionale sia in grave difficoltà. Un messaggio statistico – quello erogato dal mercato del lavoro a stelle e strisce – che non potrà che condizionare la politica monetaria della Federal Reserve, inducendola a proseguire sulla policy accomodante degli ultimi anni e, probabilmente, rilanciando a data futura le intuizioni di rialzo dei tassi di interesse di riferimento in ambito federale.

Pubblicato da Roberto Rossi

Roberto Rossi: Consulente finanziario ed esperto di forex, lavora nel settore dal 2005, prestando servizi di assistenza personalizzata ed erogando focus previsionali sui cambi valutari, commodities e altre forme di investimento. Scrive per alcuni noti network nazionali economico – finanziari, e si dedica alla cura di progetti editoriali del comparto patrimoniale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi