Alti dividendi azionari, ecco perchè (ora) non stupiscono

L’attenzione nei confronti dei dividendi cresce all’aumentare dell’incertezza sui mercati. E considerato che attualmente la volatilità e l’incertezza dei mercati finanziari è praticamente senza precedenti recenti, ne consegue che gli investitori guardano con crescente attenzione all’evoluzione degli stacchi delle cedole, la cui stagione sta per iniziare (e c’è anche chi ha già svelato l’entità dei propri dividendi, come Intesa Sanpaolo).

Quanto sopra non deve d’altronde sorprendere: dividendi generosi possono infatti proteggere il proprio portafoglio azionario in fasi di ribasso e tendono a stabilizzare le performance. Per averne una valutazione, sia sufficiente leggere le principali statistiche, recentemente riportate anche sul settimanale Economia del Corriere della Sera: dal 2000 in avanti, i dividend achiever europei, società capaci di consegnare agli azionisti dividendi in crescita per un almeno dieci anni consecutivi, hanno ottenuto un rendimento complessivo del 164%, quattro volte la performance dell’Msci Europe (41%). Di contro, le aziende che hanno omesso il pagamento della cedola sono capitolate, accumulando nello stesso arco di tempo una perdita media del 50%.

Dunque, una crescita stabile dei dividendi può condurre a rendimenti eccellenti, anche se non bisogna sottovalutare i rischi: un dividendo “certo” – e i “cassettisti” ne sanno bene qualcosa – può infatti trasformarsi anche in una trappola se è acquistato a caro prezzo. Un elemento che accade di norma quando gli investitori trascurano l’analisi delle valuzioni pur di mettere nel proprio portafoglio le aziende ritenute di “migliore qualità” o, meglio, quelle che sono sempre in grado di dare al mercato dei dividendi piuttosto generosi, nonostante le turbolenze in atto.

Quanto sopra ha determinato il fatto che alcune aziende sono divenute semplicemente troppo care, ma gli investitori non se ne accorgono nemmeno. E voi che ne pensate? Prestate attenzione ai dividendi o non vi fate influenzare da tali elementi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *